STUDIO SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA’ MECCANICHE DI TESSUTI CARDIACI FETALI

[Total: 0    Average: 0/5]

A partire dalla diciottesima settimana di gestazione, con diagnosi definitiva dalla ventesima alla ventiduesima settimana, le attuali tecniche diagnostiche permettono di rilevare patologie di diverse gravità, su cui è possibile intervenire con tempistiche e modalità differenti. Alcune patologie consentono di operare con successo il bambino nei primi anni d’età, ripristinando completamente le funzioni compromesse. Altre patologie di più grave entità non consentono invece di intervenire sul bambino in modo risolutivo. In molti di questi casi sarebbe opportuno intervenire sul feto non appena effettuata la diagnosi. Un’alternativa a cui purtroppo si ricorre attualmente nella quasi totalità dei casi è l’aborto terapeutico. Mancano infatti sia le metodiche chirurgiche, che lo strumentario necessario per condurre interventi su feti così piccoli con ragionevole probabilità di successo. Nell’ambito della ricerca finalizzata allo studio di procedure chirurgiche attuabili sul feto durante il periodo gestazionale, il presente lavoro di tesi si colloca nel settore della caratterizzazione meccanica dei tessuti molli, avendo come argomento principale l’analisi sperimentale di tessuti fetali cardiaci. Tale tipo di informazione non è attualmente presente in letteratura e pu&ograve essere di fondamentale importanza sia nella progettazione, che nella sperimentazione clinica di strumenti chirurgici dedicati alla correzione di difetti cardiaci in regime fetale. Tale studio è stato eseguito su campioni tissutali di cuore di agnello a gestazione programmata, utilizzando un banco di prova specifico, realizzato presso il laboratorio CRIM della Scuola Superiore Sant’Anna. Tale stazione sperimentale è stata progettata per la caratterizzazione dei tessuti molli e consente di ricavare informazioni sperimentali da prove meccaniche multiple di trazione, compressione e taglio. L’analisi dei dati raccolti dalle prove meccaniche è stata svolta utilizzando algoritmi implementati in linguaggio Matlab, tramite i quali sono state ricavate curve sforzo-deformazione, fondamentali per la caratterizzazione del tessuto biologico.